CONFINDUSTRIA – Nota CSC “L’economia italiana alla prova del conflitto in Ucraina” – Aprile 2022

CONFINDUSTRIA – Nota CSC “L’economia italiana alla prova del conflitto in Ucraina” – Aprile 2022

CONFINDUSTRIA – Nota CSC “L’economia italiana alla prova del conflitto in Ucraina” – Aprile 2022
News

Il conflitto esploso in Ucraina deteriora il già difficile scenario economico per l’Europa e per l’Italia. I canali di impatto sono molteplici: il freno alle esportazioni verso i paesi coinvolti (e non solo), le difficoltà di approvvigionamento per l’industria, l’incertezza e la volatilità sui mercati finanziari, ma soprattutto i picchi storici dei prezzi dell’energia e delle altre materie prime.

A sostegno di un buon andamento del PIL italiano nel 2022 giocano alcuni fattori: il progressivo affievolimento dell’impatto economico della pandemia, lo stimolo proveniente dal PNRR e anche, meccanicamente, l’eredità del forte rimbalzo messo a segno nel 2021.

Quanto profondamente il conflitto frenerà la crescita dell’economia italiana? Può avere effetti dirompenti sul tessuto produttivo italiano? Quanto è importante, ai fini degli impatti economici, la sua durata?

LEGGI LA NOTA DELCENTRO STUDI CONFINDUSTRIA